Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Simona con l'embolizzazione esce dal suo calvario durato 4 anni

Oggi raccontiamo la storia di Simona che se avesse conosciuto prima l'embolizzazione si sarebbe evitata un calvario iniziato 4 anni fa:

"Un fibroma solo può essere dannoso,  anemizzarti con le emorragie e toglierti tutte le forze. Così dalle pillole al progesterone,  esmya , tutte inutili soluzioni proposte da vari ginecologi , da sola in rete ho scoperto l'embolizzazione e ancora più stupita sono rimasta quando ho scoperto che viene praticata da tanti anni. Ì ginecologi chissà perché non me ne avevano mai parlato, per loro una donna di 47 anni che comunque figli ne ha avuti, non deve farsi problemi ad affrontare un intervento chirurgico con il rischio di perdere l'utero. Ho scelto il dottor Lupattelli perché è una persona empatica che trattando da tempo queste problematiche, mi ha dato sicurezza. In meno di un mese,13 Aprile 2018, fatta  visita e  il 10 Maggio, eseguito intervento  Bologna. Da mettere in evidenza anche la preparazione del equipe ospedaliera nel trattamento del dolore dopo l'intervento che, per quanto mi riguarda, è stato da manuale perché si sopporta benissimo. Una volta a casa ,dopo due giorni ero già in attività. Il fibroma era di 11 cm X 8 cm e ieri ho fatto il  controllo ecografico ed il fibroma misura 6 cm X 5 , praticamente si è ridotto del 50% dopo quasi cinque mesi. Il ciclo arriverà a giorni visto che ci sono i follicoli e sto ovulando, questo  è importante perché ci sono donne più giovani che ancora credono che non ci si possa sottoporre l'embolizzazione se si desidera una gravidanza. "